Domande frequenti

 

Siamo una coppia sposata da diversi anni, non abbiamo figli in comune e vogliamo divorziare. Come si svolge la mediazione presso il vostro consultorio?

Durante gli incontri con il mediatore/ la mediatrice, dopo una prima fase dedicata al ripristino della comunicazione, vengono stipulati gli accordi tra i coniugi che verranno riassunti nella convenzione di divorzio. La stessa verrà inoltrata al Pretore competente assieme all’istanza di divorzio e ai documenti giustificativi richiesti per legge. Il mediatore si occuperà di redigere questi documenti da inoltrare alla Pretura. All’udienza in Pretura i coniugi si presenteranno da soli.

 

Io e mia moglie vogliamo separarci, quali documenti dobbiamo portare per il primo appuntamento con il mediatore?

Per il primo appuntamento non è necessario portare alcun documento. Durante i primi incontri il mediatore indicherà ai coniugi quali documenti sono necessari.

 

La mediazione è indicata anche in caso di scioglimento di convivenza?

Certo, la mediazione è utile anche in caso di scioglimento di convivenza per discutere e trovare degli accordi in merito ai punti in cui vi è un disaccordo, quali per esempio la suddivisione di beni in comune. Non occorre dunque essere sposati per rivolgersi al nostro consultorio.

 

Il mio coniuge è violento e voglio separarmi. Posso rivolgermi al vostro consultorio?

La mediazione non è sempre la soluzione adatta in ogni situazione. In particolare se vi sono situazioni di violenza in cui una mediazione sarebbe difficile è consigliabile rivolgersi ad un avvocato.

 

Siamo genitori di due figli e siamo divorziati da parecchi anni. Abbiamo però dei conflitti su delle questioni relative ai figli (scelta della scuola e delle attività extrascolastiche), possiamo rivolgerci al vostro consultorio?

Certamente! La mediazione è indicata per risolvere ogni tipo di conflitto famigliare e quindi è utile anche in caso di conflitti inerenti i figli.